Giardina

Giardini di benessere e ambienti urbani del futuro

Published on 1/24/2020 by
«Giardina è l’unica piattaforma della Svizzera che porta in scena le tendenze e le idee dell’allestimento del giardino moderno, anticipando temi e sviluppi sociali. Allo stesso tempo, Giardina è semplicemente un’esperienza che coinvolge tutti i sensi», dichiara Christoph Kamber, Exhibition Director di Giardina. Giunto alla 22ª edizione, l’evento indoor leader europeo per il settore del giardino conferma il suo ruolo di vetrina e trendsetter nel settore verde. 
 
Desiderio di riservatezza – Giardini di benessere
Quest’anno, Giardina esplora il nostro desiderio di riservatezza all’interno di in una dimensione quotidiana scandita da una costante reperibilità. Puntando sulla struttura, una vegetazione varia e simile a quella naturale nonché materiali naturali, i principali garden designer svizzeri mostrano con i loro superbi allestimenti come dar vita a giardini che emanano tranquillità, armonia e forza. «La natura è la cornice migliore per rallentare e godere di una maggiore riservatezza. La nostra arte sta nell’adoperare la giusta sensibilità nel ricreare un ambiente in cui sia a proprio agio non solo l’uomo, ma anche la flora e la fauna», afferma Michael Engler di Gardens, che presenta uno straordinario giardino espositivo insieme a Stobag e ad altri partner. Allo stesso tempo, la manifestazione Giardina di quest’anno propone idee ed esempi su come donare tensione e ricchezza al giardino attraverso il sapiente utilizzo di contrasti. Marcel Egli, direttore di Egli Grün Sirnach dichiara: «Quando manca quel quid in più, bisogna avere il coraggio di rompere con l’esistente. In giardino, la tensione viene definita dall’inaspettato».  
 
L’ambiente urbano del futuro
Dopo l’avvio del progetto «The Visionaries» alla scorsa edizione di Giardina, quest’anno l’innovativa équipe di progetto, composta da circa 20 imprese, presenterà soluzioni e tecnologie pensate per lo spazio urbano del futuro. Nel loro giardino espositivo mostreranno inverdimenti verticali, una nuvola di nebbia per abbassare il microclima locale, forme abitative mobili e modulari, nonché procedure di agricoltura urbana e di acquaponica rispettose delle risorse. 520 m2 in cui le dimensioni abitative, lavorative e produttive si 
compenetrano a vicenda, integrandosi in un’economia circolare. «The Visionaries riunisce gli esperti di diverse discipline e mostra come sia possibile progettare e costruire una città sostenibile con un approccio globale», afferma Fabian Vollrath, promotore del progetto. 
 
Biodiversità da vivere
Il tema della biodiversità non è mai stato così presente come all’edizione Giardina di quest’anno. Gli esperti di giardinaggio, come Gartenpflanzen Daepp, mostrano come anche giardini, balconi e terrazze si prestino ad arricchire la varietà delle specie e a produrre alimenti in maniera sostenibile. «La perdita di biodiversità e il cambiamento climatico sono strettamente legati. Per contrastare questo fenomeno conta ogni metro quadrato di verde con una vegetazione eterogenea», dichiara Patrick Daepp. Con il titolo «Piante del futuro», invita a intraprendere un percorso didattico sul tema della biodiversità e fornisce informazioni sugli alberi del futuro, resistenti alle condizioni atmosferiche estreme in città. 

Downloads

Published under: